Snals confsal formazione professionale

FORMAZIONE PROFESSIONALE

FORMAZIONE PROFESSIONALE
COORDINAMENTO REGIONALE Via Dottor Consoli, 48 (angolo via Adua) CATANIA snalsconfsal@gmail.com

martedì 27 settembre 2016

GOVERNO MODELLO

Il Governo Siciliano dovrebbe Avere cura di non tagliare la qualità del servizio e l’assistenza offerta ai cittadini.

Costruire e diffondere una cultura della legalità, evitare gli obiettivi personalistici in cui è estraneo l’interesse pubblico.

Un dato preoccupante è l’utilizzo degli ammortizzatori sociali in deroga; una macchina che rischia di incepparsi se non verranno convocate le parti per  i tavoli istituzionali e dare un sostegno al reddito a tutti i lavoratori ad oggi sospesi in attesa della cassa integrazione in deroga.

Vorremo risposte chiare e fattive ed avviare la lotta allo sperpero di denaro pubblico.





lunedì 26 settembre 2016

FOCALIZZARE LA FORMAZIONE PROFESSIONALE

In Sicilia nel settore della formazione professionale, occorre fare luce sui danni erariali e tagliare sprechi, che si possono trasformare in ruberie e infiltrazioni.

È necessario difendere i diritti degli operatori della formazione professionale sia quelli ingiustamente licenziati, sia quelli che lavorano senza percepire lo stipendio. Operatori  tartassati dalle tasse e dalla burocrazia.

Capire su quali presupposti si sta lavorando, capire il motivo perché l’attività formativa e i servizi delle politiche del lavoro ancora non sono iniziati e perché la burocrazia è così lenta e farraginosa.  




sabato 24 settembre 2016

LAVORATORI INASCOLTATI

Dopo che le varie inadempienze della Regione Siciliana hanno portato al licenziamento di più di tremila operatori della Formazione,  alla mancata retribuzione degli operatori che da moltissimi mesi denunciano, inascoltati, questa situazione, arriva l’ulteriore danno e beffa per questi stessi operatori: prima non retribuiti, poi licenziati o sospesi ed adesso privati, ancora una volta dalla stessa amministrazione regionale che doveva tutelarli, anche della possibilità di un minimo sostegno al reddito.


lunedì 19 settembre 2016

La morte dei lavoratori della formazione nel disinteresse della Regione Siciliana e dell’INPS


Per i lavoratori della Formazione Professionale, malgrado gli annunci, nulla è cambiato. I corsi in avvio,  o appena avviati, non allevieranno il disagio e la disperazione reale dei pochi lavoratori in servizio che non  percepiranno nulla prima di Gennaio 2017.
Il quadro sconfortate è acuito, oltre che dalle innumerevoli mensilità non ancora pagate, in moltissimi casi si arriva anche a 23 mensilità, dal miraggio di fantomatiche politiche di sostegno al reddito che, al momento, sono concrete soltanto sulle prime pagine dei giornali.
Di seguito un elenco sconfortante  dei sostegni non erogati e bloccati per responsabilità dirette della Regione siciliana, dell’Inps e degli enti gestori:
Cassa integrazione 2012
La percentuale sin qui liquidata dalla Regione ammonta al 7,7%, mentre è ancora dovuto il 12,3%, a fronte del 20% a totale carico della Regione Siciliana (fondo di garanzia).
Contratti solidarietà 2014
Con efficacia dal 1 novembre 2014 all' 8 giugno 2015, non pervenuto
FIR- Fondo di integrazione residuale 2015
l’INPS con deliberazione n. 20 del 27 giugno 2016, ha autorizzato la concessione del trattamento di importo pari a euro 1.694.357, 60 per n. 515 lavoratori e 172.016 ore, periodo Dicembre 2015 - Gennaio 2016 – Febbraio 2016, non pervenuto….
Fondo integrazione salariale 2016
Per i mesi da Marzo ad agosto 2016, non pervenuto….
Lo Snals Confsal settore formazione professionale chiede una assunzione di responsabilità immediata da parte  delle amministrazioni competenti, riservandoci di agire nelle selle sedi opportune per arginare l’ assordante silenzio  che distrugge  ogni giorno la vita di uomini e donne onesti, vasi di coccio tra insensibili vasi di metallo.
Distinti saluti
Il coordinatore regionale Snals Confsal settore formazioneprofessionale

Giuseppe Milazzo

sabato 3 settembre 2016

CHIARIMENTI SULLA CRISI DEL SETTORE

FIl Al  Presidente della Regione Siciliana
 Dott. Rosario Crocetta

All’Assessore  Regionale  Istruzione
 e Formazione  Professionale
On. Bruno Marziano

All’ Assessore  Regionale Famiglia
Politiche Sociali e Lavoro
 On. Gianluca Miccichè

LORO SEDI


Oggetto: richiesta di incontro.


Nello scenario della tanto discussa crisi, che vede “costretta” la formazione professionale a “soffrire” di una riduzione di personale già in forza presso gli enti gestori, ovvero “privare” del diritto lavorativo agli operatori iscritti all’albo regionale, è difficile comprendere le procedure messe in atto da alcuni enti gestori che da una parte “eliminano” lavoratori interni (licenziamenti e/o sospensione in attesa di CIG in deroga e/o FIS) e dall'altra attivano procedure diverse per assumere altro personale, ignorando in tal modo la continuità lavorativa a chi ne ha realmente diritto.

Per i sopracitati motivi ed in riferimento alle ultime dichiarazioni divulgate dal Governo e dagli Assessori al ramo  in materia di salvaguardia occupazionale del personale  privo d’incarico ed iscritto all'Albo Regionale degli operatori della Formazione Professionale, la scrivente organizzazione sindacale
CHIEDE
un incontro per chiarimenti su tali dichiarazioni che risultano essere nettamente in contrasto con le attuali procedure adottate da alcuni Enti Gestori, nonché in contrasto con le leggi sulla salvaguardia occupazionale e retributiva dei lavoratori del settore.


Certi di un immediato riscontro, si porgono distinti saluti.


Il Coordinatore regionale settore formazione professionale

Giuseppe Milazzo


sabato 20 agosto 2016

Modello fac simile DOMANDA DI INSERIMIENTO NELL'ELENCO UNICO ADESAURIMENTO DEI LAVORATORI PROVENIENTI DAI SERVIZI FORMATIVIDI CUIALL'ART. 12 DELLA LEGGE REGIONALE N. 24/2000 E s.m.i.



Al Dirigente Generale Dipartimento lavoro 
Via Imperatore Federico n.70/B, 90143 Palermo

Il/la sottoscritto/a -----
nato/a ---- a ----  prov. ---- il ----
Codice Fiscale ----  e comune di residenza ----
prov. ---- indirizzo ---- n° ---
C.A.P. --- tel. n° ----
indirizzo PEC ----
CHIEDE
A codesto assessorato di essere inserito/a nell'elenco unico ad esaurimento dei lavoratori provenienti dai servizi formativi di cui all'art.12 della legge regionale 24/2000 come da decreto regionale 5 agosto 2016 
DICHIARA

- di avere svolto attività nei servizi  formativi  nell'ambito della legge 24/2000
nell'area funzionale ---- con il profilo ---- dal ---- al ----
- di essere iscritto all'albo degli operatori della formazione professionale di cui al D.A. n. 38/Gab dell'11 ottobre 2013

Si allega fotocopia di documento d'identità

Data----- firma----


Il fac-simile deve essere munito del   modulo della Dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà ai sensi degli artt.46 e 47 del D.P.R. n.445/2000 da produrre alla pubblica amministrazione o ai gestori di  pubblici servizi fornita dall'Amministrazione Regionale.